Confederazione Grande Nord
#Rinascelasperanza

Confederazione Grande Nord #rinascelasperanza
  • Grande Nord - Rinasce la speranza
  • Milano
  • Torino
  • venezia

Confederazione Grande Nord - #rinascelasperanza

Confederazione Grande Nord movimento politico tramite il quale tutti possono concorrere con metodo democratico e nel rispetto della Costituzione, per raggiungere l’indipendenza e l’autonomia delle Regioni del Nord. 

Il nostro programma elettorale: Il nostro programma elettorale che puoi leggere o scaricare in formato .pdf. Aiutaci a divulgarlo,
Grande Nord - Noi stiamo coi lupi..: Se vediamo una persona per strada fuori dalla nostra proprietà, non ci facciamo nemmeno caso.
24/03/2019 - Il patto d'acciaio: 24/03/2019 - Grande Nord e Scottish National Party firmato in Scozia il patto d'acciaio.
No al reddito di cittadinanza. Dove firmare: Dove firmare contro il reddito di cittadinanza. Date e città dove trovare i gazebo di Grande Nord.

Sostieni Grande Nord

Tesseramento Online

tesseramento online

Scrivi a Grande Nord

scrivi a grande nord

Eventi federali

Congressi Grande Nord

Press - Comunicati stampa

Press Grande Nord

La Meloni «la destra non sta coi Catalani». Ecco il sovranismo e nazionalismo che vuole cancellare le identità dei Popoli.

La Le Pen romana, Giorgia Meloni, socia e degna compare di Matteo Salvini e del neosovranista Berlusconi, ribadisce che la destra non sta con i catalani. Beh, non è una novità. La destra illiberale e neonostalgica dei poteri forti, non può stare con l’autogoverno, con la libertà dei popolo, ma vive nel credo patria-chiesa-famiglia che ricordiamo bene nella storia del Paese. Quindi prima viene l’idolatria di stato e poi i popolo che vogliono esprimere liberamente il diritto a secedere. Un diritto internazionale, dovrebbe saperlo la piccola italiana Giorgia. Ma leggiamo le sue dichiarazioni: “Le immagini che arrivano da Barcellona fanno male. Per noi secessionismo e globalismo sono due facce della stessa medaglia, entrambi puntano a distruggere la sovranità degli Stati nazionali. Per questo sosteniamo la battaglia degli amici di VOX per una Spagna unita e libera””. Lo ha scritto su Twitter il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Il tweet del leader di FdI è stato ritwittato dal presidente del partito spagnolo VOX, Santiago Abascal, che ha scritto: “”Grazie per il tuo sostegno alla Spagna viva e unita, Giorgia Meloni. Spagna e Italia devono essere Nazioni alleate che difendono la loro sovranità e unità”.

Certo, d’altra parte proprio l’altro leader della destra italiana, Matteo Salvini, aveva salutato di recente il leader di Vox.

Roberto Bernardelli

Scritto da Grande Nord

Raffaele Piccolo è il nuovo Coordinatore di Grande Nord a Ferrara

Grande Nord ha un suo coordinatore a Ferrara

Nominato Raffaele Piccoli per riprendere i temi del "federalismo e della difesa delle regioni padane"

Grande Nord, neonato movimento politico formato dai fuoriusciti dalla Lega, nomina il suo coordinatore per la città di Ferrara: Raffaele Piccoli.

La breve cerimonia si è svolta lo scorso 16 ottobre presso la​ pizzeria Marameo di Copparo, alla presenza​ del segretario nazionale​ Angelo Alessandri, del coordinatore provinciale Stefano Bigoni  e dei militanti del territorio.

Il nuovo soggetto politico Grande Nord è un movimento nato da poco ma già presente sia in Veneto che in Lombardia e che si sta diffondendo in modo capillare in Emilia Romagna.

Grande Nord​ ​ vuole riprendere i temi del “federalismo e della difesa delle regioni Padane, temi oggi non all’ordine del giorno delle formazioni politiche presenti sia sul territorio che a livello nazionale”.

(tratto da estense.com)

Scritto da Grande Nord

Presentata in Molise la Confederazione Forza CENTRO

Venerdì 18 ottobre 2019, presso l’Hotel Rinascimento di Campobasso, presentata in Molise la Confederazione Forza CENTRO da Davide Zenati, Presidente e Segretario Federale, e da Gianna Simiele, Segretario organizzativo regionale, con l’intervento dell’On.le Angelo Alessandri, ex Presidente della Commissione Ambiente alla Camera dei Deputati.

La Confederazione è volta alla promozione ed alla realizzazione di ogni iniziativa finalizzata a realizzare la piena rinascita delle nostre terre, identificate nelle regioni del Centro, riportando etica, morale e responsabilità nei comportamenti nella pubblica amministrazione e nei Cittadini tutti. Persegue inoltre la modernizzazione e la minor invasività possibile dello Stato, la libertà personale ed economica dei singoli e delle Comunità, la protezione della proprietà privata e dell’impresa, la valorizzazione dell’istituzione del Comune e delle tradizioni, garantendo la realizzazione del diritto di tutti i Popoli all’Autodeterminazione.

Forza CENTRO assicura la piena partecipazione politica degli iscritti e promuove la piena partecipazione delle giovani generazioni alla politica. Assicura e rispetta il pluralismo delle opzioni culturali e delle posizioni politiche al suo interno ed a tale fine garantisce l’informazione, la trasparenza e la partecipazione degli iscritti anche attraverso i sistemi informatici. Informa la propria azione al pieno rispetto del metodo democratico e meritocratico.

La Confederazione riconosce i diritti dell’Uomo e dell’individuo, in particolare: la sua libertà inviolabile di agire in funzione della propria volontà finché essa non leda l’eguale diritto degli altri; il diritto di ricercare la felicità e di esercitare i suoi sentimenti nel rispetto degli altri; il diritto di manifestare le proprie convinzioni politiche e morali nonché di goderne.

Forza CENTRO, inoltre, rifiuta ogni forma di discriminazione fondata su razza, sesso, lingua, religione; accetta i principi di legittimità democratica e della non aggressione; accetta le norme del diritto internazionale e più in generale i diritti dell’uomo sanciti dall’ONU e il diritto di autodeterminazione dei Popoli così come sancito, tra gli altri, nella Carta delle Nazioni Unite, nel Patto Internazionale di New York del 1966 e nell’Atto finale delle Conferenza di Helsinki del 1975; richiama e promuove in ogni forma l’identità culturale e storica dei Popoli.

Forza CENTRO dà appuntamento al prossimo incontro a livello regionale che si terrà nel mese di no  vembre.

Scritto da Grande Nord

«DIPENDENZA E BULLISMO NELL'ERA DIGITALE: UNA SFIDA PER LE FAMIGLIE» convegno organizzato da Grande Nord sabato a Milano

In una ricerca condotta tempo fa su 600 ragazzi dai 12 ai 18 anni e 600 genitori dai 25 ai 64 anni, esperti hanno cercato di focalizzare l'attenzione su come internet sia presente nella quotidianità dei ragazzi (e dei loro genitori). 

Ecco i punti salienti della ricerca:

1 Adolescenti sempre più dipendenti da social e smartphone

Il 17% dei ragazzi intervistati dichiara di non riuscire a staccarsi da smartphone e social, 1 su 4 (25%) è sempre online, quasi 1 su 2 (45%) si connette più volte al giorno, 1 su 5 (21%) è afflitto da vamping: si sveglia durante la notte per controllare i messaggi arrivati sul proprio cellulare. Quasi 4 su 5 (78%) chattano continuamente su WhatsApp.

2 Vanno online prima dei 13 anni e a 11 hanno lo smartphone

Uno degli allarmi lanciati dalla ricerca è quello dell'età in cui gli adolescenti italiani accedono alla rete. Uno su 2 (48%) dichiara di essersi iscritto a Facebook prima dei 13 anni, età minima consentita per poterlo fare, mentre il 71% riceve in dote uno smartphone mediamente a 11 anni. Prima delle chiavi di casa che arrivano a 12.

3 Anche i genitori ne abusano

Se i ragazzi palesano una dipendenza evidente, non sono da meno mamme e papà. Quattro intervistati su 5 dichiarano di usare i social per comunicare quotidianamente con i propri figli: 68% WhatsApp, 18% altre chat; 1 adulto su 4 (il 22%) soffrire di vamping.

Questi dati dimostrano che e nuove tecnologie e Internet oggi permeano non solo la vita dei ragazzi ma anche delle famiglie eincidono anche su riti e gesti della quotidianità e sui contenuti delle conversazioni familiari. 

4 Sessualità e siti pornografici

Quattro ragazzi intervistati su 5 (73%) dichiarano di frequentare costantemente siti pornografici e il 28% di loro teme di diventarne dipendente; mentre 1 su 10 (11%) conosce qualcuno che ha fatto sexting: invio di messaggi sessualmente espliciti o immagini inerenti al sesso.

5 Più di un adolescente su 10 è stato vittima di cyberbullismo

Tra le esperienze peggiori vissute dai ragazzi in rete quella di essere deriso da amici o conoscenti. Più di uno su 10 (12%) dichiara di essere stato vittima di cyberbullismo; il 32% ha paura di subirlo; mentre il 30% teme il contrario: postare qualcosa che offenda qualcuno senza accorgersene.

6 Acquisti online

Altro dato sorprendente della ricerca riguarda l'uso del denaro che gli adolescenti fanno sulla rete. Un intervistato su 10 confessa di aver proceduto a un acquisto senza accorgersene, ma quello che salta all'occhio è che più di 2 su 3 (38%) compra regolarmente con carta di credito dei genitori (63%) o con propria (22%). 

Genitori inconsapevoli 

Dalla ricerca è anche emerso che spesso i genitori non sono in grado di intervenire: il 71% degli adulti intervistati dichiara di non aver mai sentito parlare di sexting, il 12% di non sapere che cos'è il cyberbullsimo.

In questo ambito che coinvolge a 360 gradi la FAMIGLIA continuano gli appuntamenti con i convegni tematici tratti dal programma politico di GRANDE NORD. 

Sabato 26 ottobre con inizio alle ore 10 presso l'hotel The Square Milano Duomo (Via Alberico Albricci 2/4) a MILANO si terrà il convegno «DIPENDENZA E BULLISMO NELL'ERA DIGITALE: UNA SFIDA PER LE FAMIGLIE»

Ad aprire ed introdurre il convegno sarà Giuseppe OLIVIERI (responsabile nazionale Grande Nord Lombardia per le politiche della famiglia).

In qualità di relatori saranno presenti la psicologa e psicoterapeuta dottoressa Manuela PONTI, ed il dottor Antonio MARZIALE, sociologo, giornalista, autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Calabria che punterà l'attenzione in particolare sulle ricadute sociali dell'utilizzo improprio di internet.

Fra i relatori anche Davide REDOLFI docente in un centro di formazione professionale a Milano, frequenta l’Università di Bergamo, facoltà di “Scienze dell’Educazione”. 

A moderare il convegno sarà Monica RIZZI, naturopata e già consigliere regionale ed Assessore allo sport e giovani della Regione Lombardia.

 

 

 

 

Scritto da Grande Nord

Sventola una bandiera Catalana. Fermato a Milano.

Sventola una bandiera Catalana mentre va verso il consolato Spagnolo a Milano: fermato dalla Polizia

 

È accaduto questo pomeriggio durante la manifestazione indetta da Grande Nord in solidarietà con il popolo catalano in Piazza Cavour a Milano. In accordo con la Questura s'era deciso che la manifestazione sarebbe stata silenziosa e posta in essere di fronte al consolato e non sotto il portone del consolato su richiesta appunto della Questura. Tra i manifestanti s'è presentato un cittadino che dichiarandosi indipendentista ma non di Grande Nord ha deciso di non stare al protocollo imposto dalla Questura. Con la bandiera della Catalunya ha quindi deciso di andare da solo verso il consolato. In pochi secondi, come testimoniano le immagini, contro un solo uomo armato di bandiera sono intervenute tre volanti, sei uomini della Polizia e tre uomini della Digos. Nove persone per fermare un manifestante. 

 

Art 21 della Costituzione: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

(Max Rigano)

Segui il filmato cliccando il link https://www.facebook.com/189639971549377/posts/711201699393199/

 

Scritto da Grande Nord

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.

La mancata accettazione dei cookies può provocare il malfunzionamento di questo sito e l'impossibilità di fornire i servizi richiesti.